Open Canottieri Ticino: Vince Mascarini ma gradissimo torneo anche per Simone Cavalleri

Questo articolo è presentato da:

Torneo di grande suspence quello giocato sui campi in terra rossa della Canottieri Ticino. Matches finiti spesso per una manciata di punti in cui il sangue freddo nei momenti decisivi ha fatto pendere l’ago della bilancia a favore di uno o dell’altro.

A spuntarla su tutti il neo acquisto di casa Canottieri Riccardo Mascarini, cremonese di nascita ma che da quest’anno militerà nel circolo pavese. Mascarini non è però stato immune dai match al fotofinish e soprattutto in finale ha incontrato il pavese doc Simone Cavalleri (TC Pavia) che ha fatto segnare notevoli miglioramenti.

Il match della finale è andato a favore di Mascarini, giocatore che sa far viaggiare la palla veramente veloce, dotato di rovescio ad una mano, ha nei fondamentale da fondocampo il suoi punti di forza. Simone però non è stato sopraffatto dal gioco brillante di Riccardo e tutti si sono accorti di come il suo servizio sia diventato veramente potente, di come il diritto sia in completa evoluzione e di come il rovescio bimane possa far male in ogni punto del campo. Concludendo l’analisi del gioco di Simone il suo diritto in “ciop” sapientemente utilizzato dimostra una varietà di gioco molto interessante. Per concludere la finale, lo score è stato 5/7 6/0 10/6 a favore di Mascarini.
Ripercorrendo i percorsi dei finalisti vediamo che Mascarini aveva in semifinale battuto Federico Negrello (Oltrepò Tennis Academy) per 6/7(2) 6/3 10/7 mentre Cavalleri aveva avuto la meglio sull’alfiere di casa Lorenzo Zacconi per 6/0 6/7(5) 11/9. Affatto male anche i match dei quarti di finale che hanno fatto segnare delle sorprese. Ad esempio l’eliminazione di Simone Camposeo (2.4 TDS numero 4) da parte di Negrello (6/4 6/2), la vittoria di Zacconi 6/4 6/4 su Federico Chiesa, e bellissimo anche l’accesissimo derby tra Simone Cavalleri e Alessandro Valletta finito, manco a dirlo, con due punti di scarto 3/6 6/2 10/8. Nell’ultimo quarto da tenere sott’occhio il giovane talentuoso giocatore U18 di Parma, dall’incredibile rovescio ad una mano, Tommaso Bonazzi, che ha ceduto da Mascarini 7/5 6/1.

Alla consolle organizzativa l’esperto giudice arbitro Marco Bisi coadiuvato dalla organizzatissima Arianna Sarchi hanno portato a termine un torneo giocato a porte chiuse, secondo le vigenti normative, che ha avuto un ottimo successo di partecipanti. 92 gli iscritti, con un taglio ai 4.1 compresi, che escluso ben 45 giocatori.

Da segnalare infine che si sono disputate le chiusure di tabellone in cui nel terza ha vinto Paolo Bianchi e nel tabellone di quarta Aurelio De Rinaldis.

Condividi questo articolo con i tuoi Social

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on email
Email

Una risposta

Lascia un commento