I vincitori dei primi Campionati Italiani di Pop Tennis alla Tazon Arena

Questo articolo è presentato da:

La Tazon Arena di Salice Terme è stata protagonista nello scorso 1-4 settembre dei primi Campionati Italiani di Pop Tennis. Oltre 120 giocatori e giocatrici si sono trovati nella splendida cornice oltrepadana dando il meglio di se nelle gare di singolo e doppio.

La competizione con più iscritti, quella di singolare maschile, ha avuto ben tre tabelloni di qualificazione, in cui 52 giocatori hanno lottato per l’accesso al main draw. Qui il tabellone finale ha visto 24 “Pop Players” sfidarsi per il titolo. Fabio Beraldo, ex tennista professionista capace negli anni ’90 di arrivare alla 354esima posizione del ranking ATP, dotato di una “mano pazzesca”, ha letteralmente dominato. In finale Fabio ha incontrato e battuto Andrea Tava, ottimo giocatore dotato di grandissima sensibilità e capacità nel gioco al volo, che però nulla ha potuto nel confronto con Beraldo. Molti i games ai vantaggi nella partita, ma alla fine il punto decisivo lo faceva sempre Beraldo. Così con lo score di 6/0 6/1, Beraldo ha conquistato a man bassa il titolo.

Nel torneo femminile la Lady Daniela Vittorio si è imposta nettamente, 6/0 6/2, su Ginevra Ghezzi. Nella partita, giocata quasi sempre da fondocampo, Daniela ha dimostrato una solidità impressionante. Dal canto suo, Ginevra visibilmente fasciata alla caviglia dopo un distorsione occorsa durante la semifinale, non era al 100%. L’unica tattica possibile per Ginevra era quella di provare ad attaccare, cosa che ha fatto, non scalfendo però più di tanto la regolarità della Vittorio.

E’ arrivato poi il momento forse più atteso, la finalissima del doppio. Qui uno scontro generazionale tra padre e figlio ha fatto accendere il numerosissimo pubblico accorso a vedere l’evento. A trovarsi di fronte, Gregorio Zonca e Fabrizio Zonca, in coppia rispettivamente con Fabio Beraldo e Alessandro Meisina. Anche qui Fabio ha fatto la differenza, sicuramente aiutato da una prestazione al top di Gregorio, che li ha portati a vincere per 6/2 6/2. Fabrizio e Alessandro sono stati moltissime volte autori di splendide giocate, ma il Pop, come gli altri sport di racchetta, è un gioco di numeri e percentuali, e spesso la classe non basta a vincere un match.

A conclusione della manifestazione, le premiazioni, tenute dagli assessori del Comune di Rivanazzano Terme Loretta Rizzotti e Tommaso Craviotto, quest’ultimo dai più conosciuto come Momi, storico maestro di tennis della nostra provincia. In modo emblematico la presenza durante le finali di un altro famoso maestro della racchetta pavese, Roberto Garbin, ha proclamato il Pop Tennis come una disciplina sportiva in cui il nostro territorio è pioniere in Italia.

Arrivederci alla prossima edizione!

Condividi questo articolo con i tuoi Social

WhatsApp
Facebook
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.