Finali ATP e WTA all’Open del CC Voghera: vincono Bonadio e Chiesa

Riccardo Bonadio durante un atletico recupero

Questo articolo è presentato da:

Al Country Club Voghera è andato in scena il torneo Open che ha visto, soprattutto nella finale maschile, una conclusione spettacolare di un bellissimo torneo. A trovarsi di fronte, Riccardo Bonadio, giocatore della Motonautica Pavia e attuale 188 (best 177) delle classifiche ATP, e Gianluca Naso, ex 175 del ranking internazionale.

Match appassionante, conclusosi con il punteggio di 6/2 4/6 7/6(4) a favore di Bonadio, che ha regalato al numerosissimo pubblico presente grandi emozioni e un finale incerto fino all’ultimo colpo. A detta di molti, il più bel match mai visto sui campi del circolo vogherese. Una partita che per differenza di età, 29 anni Bonadio, 35 Naso, e di attuale carriera, Bonadio è reduce dal terzo turno di qualificazioni all’US Open, Naso è maestro al Park Genova, poteva essere definita a senso unico. Invece no, il siciliano, Naso, ha giocato un match a livelli altissimi, esprimendo un tennis potente e preciso degno dei dieci anni spesi nel tennis professionistico. Bonadio, dal canto suo, è sempre stato attaccato al match, deliziando tutti con meravigliose accelerazioni di rovescio ad una mano, diritti incrociati imprendibili, smorzate e contro smorzate di finissima fattura, nonchè un ritmo di gioco impressionante. Da sottolineare la massima correttezza dei due giocatori che, arbitrati dal giudice di sedia Nicolò Acciaioli e diretti dal giudice arbitro Claudio Puglisi, hanno sempre espresso la massima reciproca fiducia in ogni chiamata, sempre confermata da un cenno di entrambi.

Le fasi finali del torneo hanno visto altri grandissimi protagonisti. La sorpresa in semifinale è stata la vittoria in due set di Naso su Pietro Rondoni (2.1) per 6/4 6/4. Gli altri due match di Bonadio, nei quarti 6/2 6/4 al 2.4 Ivan La Cava e 6/2 6/2 al 2.3 Manfred Fellin, sono state praticamente partite “di allenamento”.

I migliori risultati dei tesserati per circoli pavesi in gara sono stati i quarti di Davide Dadda e Giulio Colacioppo, gli ottavi di Alessandro Valletta. Dadda, 2.4 di Selva Alta, ha vinto 6/3 6/3 contro Paolo Baratti (2.7) e 4/6 7/6 6/3 contro Flavio Cortinovis (2.4), per poi non disputare il match contro Naso. Colacioppo, 2.3 del CC Voghera, dopo aver vinto 6/1 6/2 contro Lorenzo Baldoni (2.7), ha ceduto con onore a Rondoni per 6/1 7/5. Valletta, 2.5 Motonautica Pavia, dopo aver vinto in rimonta su Mattia Girani (2.8) 5/7 6/2 6/2, ha ceduto 6/3 6/3 contro La Cava (2.4).

Il torneo Open di Voghera ha avuto anche la sua versione femminile e una vincitrice iscritta anche lei nel ranking professionistico. Stiamo parlando di Enola Chiesa (2.2), alessandrina DOC tesserata per la Canottieri Casale, che vanta il suo best ranking WTA in queste settimane con la posizione 962. Fresca dei sui 22 anni, Enola ha battuto in finale la piacentina diciannovenne Alessia Fava (2.6), ottima giocatrice ma non ancora con un bagaglio di esperienza professionistica al pari dell’avversaria. Il punteggio recita un 6/0 6/2 a favore di Enola.

Tra le giocatrici pavesi nel tabellone finale due atlete targate Tennis Club Pavia, Vittoria Curci (2.5) e Lucrezia Nicolai (2.7). Quest’ultima, vincitrice del match di esordio contro Simona Ballani (3.2) 6/1 6/3, per poi cedere da Aurora Urso (2.5) per 6/3 6/3.

A chiusura del tabellone maschile di terza si è tenuta la finale, dove il giocatore di casa Lorenzo Brembilla (3.1) ha battuto 6/4 6/1 Andrea Quaglini (3.2 TC Sale).

A premiare e complimentarsi con gli atleti e atlete in gara la presidentessa del circolo Patrizia Rana, che ha ringraziato tutto lo staff del CC Voghera con in primis il marito Stefano e alla manutenzione dei campi Pietro. Presente alla finale maschile anche il delegato provinciale FIT Antonio Gianfreda, che ha consegnato i trofei ai due finalisti.

Di seguito la gallery fotografica dell’evento:

Condividi questo articolo con i tuoi Social

WhatsApp
Facebook
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.