Rutigliano Elena e Ceradelli Matteo, vincitori all’Oasi

Matteo Ceradelli, Eugenio Ventura, Giulio Siri

Questo articolo è presentato da:

Per Elena Rutigliano è ancora una volta un appuntamento vincente all’Oasi di Fuori Milano. La giocatrice dello Sporting Milano 3 e di classifica 2.6 è infatti da quattro anni una fedele atleta del torneo lomellino che l’ha vista in più occasioni essere protagonista. Questa volta si è imposta nella finale per 6/1 6/2 contro la reggiana Alessia Delmonte (2.7), anche lei più volte presente nelle gare dell’Oasi.

Alessia Delmonte, Eugenio Ventura, Elena Rutigliano

Da sottolineare l’ottima prestazione della milanese under 16 Alessandra Cigoli, che da 3.1 è passata attraverso il tabellone delle terza e poi battendo due seconda è giunta fino alla semifinale, qui fermata dalla Rutigliano. L’altra semifinalista è stata Benedetta Palazzo.

Della schiera pavese molte le giocatrici nel tabellone dei terza che purtroppo non sono riuscite ad approdare nel tabellone conclusivo.

Nel torneo maschile, ben 111 partecipanti, “spalmati” come nel femminile su quattro tabelloni. A giungere in finale e a vincere la sorpresa del torneo l’under 16 del TC Milano Matteo Ceradelli (2.6), giocatore completo ed un esempio assoluto di correttezza e sportività, ha trovato nel suo percorso alla finale Gabriele Lorini (2.6), battuto 3/6 6/4 10/6, la TDS numero 2 Davide Negrotti (2.5), battuto 6/4 4/6 10/4, in semi Leonardo Cattaneo (2.6), battuto 6/2 6/1, e per concludere Giulio Siri (2.6), battuto 7/5 6/3.

Anche per il cremonese Giulio Siri oltre che la finale è stato un torneo molto positivo, con lo scalpo della TDS numero 1 nei quarti, quando ha battuto Luigi Corrias (2.5) per 6/4 6/2, e della TDS numero 4 Leonardo Nava (2.5) battuto in semifinale 6/2 6/3.

Pochini in proporzione questa volta i pavesi in gara. Nel tabellone principale solo Riccardo Gallinella (2.7) che si è comportato bene battendo un 3.1 e cedendo per poco in un match lottatissimo contro il 2.6 Leonardo Cattaneo (2.6) 6/7 6/3 10/5.

A dirigere la due settimane di incontri il giudice arbitro Alberto Calzaferri, coadiuvato dal direttore del torneo Maria Rosaria Lupo, dall’assistente Eleonora Cinquini e dall’organizzatore dell’evento Eugenio Ventura.

Da sottolineare, come dato molto positivo, la grande presenza di giocatori under, circa 60, nelle gare maschili e femminili. Oltretutto 25 i seconda categoria iscritti, che hanno dato grande valore al torneo.

Infine citiamo un simpatico siparietto che c’è stato tra il vincitore Ceradelli ed Eugenio Ventura. Ceradelli ha detto che il suo gioco non è così adatto all’erba sintetica ma bensì da terra rossa. Ventura gli ha quindi chiesto: “se organizzerò un torneo sul rosso non lascerai scampo a nessun giocatore?” Il sorrisino sornione di Ceradelli ha spazzato ogni dubbio 😉

Condividi questo articolo con i tuoi Social

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on email
Email

Lascia un commento