Cari genitori: siate umili. Siate umili tra di voi, con gli amici, con i genito…

Questo articolo è presentato da:

Cari genitori: siate umili.

Siate umili tra di voi, con gli amici, con i genitori degli amici dei vostri figli, con gli insegnanti, con gli allenatori – quando i vostri figli vi guardano e anche quando non vi guardano.
Siate umili con i vostri figli.
Siate umili con gli obiettivi e i traguardi dei vostri figli.

Perché?
Perché la strada è lunga.
La scalata sarà impervia.
Gli ostacoli che loro incontreranno saranno tanti, le variabili da affrontare anche.

Passate loro la stabilità, l’equilibrio.
Non l’eccesso.

Preparateli ad affrontare critiche, delusioni, insuccessi.
Anziché proteggerli da ogni genere di difficoltà, preparateli – con fiducia – per le situazioni difficili che dovranno fronteggiare da adulti.

Non date loro tutto, no.
Date loro di meno, date loro il giusto, affinché la fame dei loro desideri li spinga a guadagnare ogni singola conquista.

Di fronte alle prove della vita, della scuola e dello sport avranno bisogno di essere solidi.

Avranno bisogno di sapere che, qualunque risultato otterranno non vi avranno delusi e non avranno deluso le vostre aspettative.

Avranno bisogno di sapere che, qualunque risultato otterranno voi li amerete per quello che sono, non per quello che fanno o che hanno rappresentato.

Chiedetevi sempre: quello che faccio serve ad alimentare il mio ego oppure a rendere felice mio figlio?

Lo so caro genitore, è tosta.
Il limite tra fare il loro bene o commettere un errore in buona fede, è sottile.

Per questo voi, noi, dobbiamo continuare a lavorare su noi stessi per garantire ai nostri figli le migliori radici che possano avere in questa vita.

#mentalcoaching #sportcoaching #genitori #sport #tennis #tennispetrarca #umiltà #positive

Condividi questo articolo con i tuoi Social

WhatsApp
Facebook
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.