Ramella e Morici si impongono al quarta targato Oasi

Nella foto da sx: Elisabetta Capitti, Lorenzo Ramella, Eugenio Ventura, Matteo Piana, Simona Gualdani.

Questo articolo è presentato da:

Cifra tonda, 100 i partecipanti, al torneo di quarta categoria di L’Oasi di Fuori Milano, organizzato sui campi di Ferrera Erbognone dal 2 al 10 ottobre scorsi. Due le gare: singolare maschile, singolare femminile.

La competizione più numerosa, quella maschile, ha avuto come vincitore Lorenzo Ramella, giocatore tesserato per l’Eni di Sannazzaro di classifica 4.1, ma già 3.5 come best ranking (nel 2008, poi nel 2013, poi nel 2019).

In finale il lomellino ha incontrato a sorpresa il 4.4 Matteo Piana, giovane under 18 del Selva Alta, che si è molto ben espresso durante tutto il torneo.

Finale equilibrata, vinta da Ramella con il punteggio di 7/5 6/4.

Il cammino alla finale di Lorenzo è stato piuttosto agevole: 6/0 6/2 a Mattia Ferrari (4.2), 6/0 6/0 a Filippo Tremolada (4.1), 6/2 6/2 a Humbert Milazzo, 6/2 6/1 a Marco Bulla (4NC). Per Ramella un solo torneo giocato nel 2021 (peraltro vinto), due nel 2020, due nel 2019. Sicuramente con una stagione tennistica più lunga la terza categoria è sempre a portata di mano per Lorenzo.

In campo femminile, vittoria per la giovanissima under 12 Jasmine Morici (4.3, Tennis Club Ambrosiano) che in finale ha battuto la pavese Claudia Davico (4.1, Dema Sport 2001) 6/4 0/1 rit.

Complici due interminabili partite la Davico è giunta alla finale decisamente più stanca: nei quarti ha battuto Nicoletta Valacca 6/3 1/6 10/2 e in semifinale Margherita Guida 6/1 1/6 10/7.

Più agevole, anche se più lungo il percorso di Jasmine che per giungere alla finale ha superato 5 avversarie battendole sempre in due set.

A premiare i giocatori e giocatrici il giudice arbitro e organizzatore della manifestazione Eugenio Ventura, la direttrice del torneo Simona Gualdani, nonchè la responsabile di aBRACAdabra Elisabetta Capitti.

Nella foto da sx: Jasmine Morici, Eugenio Ventura, Claudia Davico, Elisabetta Capitti

Condividi questo articolo con i tuoi Social

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on email
Email

Lascia un commento