Giocare con le corde rotte. Notizie dagli UDG

Questo articolo è presentato da:

Lo sapevate che non si può iniziare un incontro con le corde rotte? Ma se una corda si rompe durante il gioco, il giocatore deve completare il punto.

Inoltre, se il ribattitore rompe le corde rimandando una prima battuta nulla, deve cambiare la racchetta immediatamente; mentre se la rompe rimandando la prima battuta in fallo, può scegliere tra cambiare la racchetta immediatamente, nel qual caso il battitore ha la possibilità di battere nuovamente la prima palla, oppure può terminare il punto con le corde rotte, nel qual caso il battitore può battere solo la seconda palla.

Questa regola molte volte poco approfondita è il pretesto per presentare ai Tennisti Pavesi una realtà, o per meglio dire, un Gruppo di Lavoro di giudici arbitri, che in questo 2022 ha preso l’abitudine di incontrarsi nei vari circoli di tennis pavesi e discutere e confrontarsi sulle varie situazioni, i nuovi regolamenti e quant’altro possa essere utile per migliorare il mondo del tennis. Il gruppo è stato creato dal Fiduciario degli Ufficiali di Gara Eugenio Ventura, che attraverso questi incontri vuole trovare un momento sia conviviale che utile per uniformare e informare i suoi colleghi giudici arbitri. Così dopo un pranzo di lavoro in un circolo, un incontro o una riunione un un altro, è nata anche l’idea di sfruttare il canale del TennisPavese per amplificare le notizie a tutti i tennisti interessati. Qui il link alla pagina dedicata alle comunicazioni del Gruppo di lavoro dei giudici arbitri, che potete trovare sempre in evidenza anche nel menù del sito sotto la voce UDG PAVIA.

Condividi questo articolo con i tuoi Social

WhatsApp
Facebook
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.